Tag Archives: coglioni

Didattica per Padri Verissimi

7 Nov

N2: “PV, visto che l’hai te la bimba Martedi’, gliela fai fare tu la lezione di scienze? ad Inglese ci ho pensato io”
PV: “Che c’è da fare?”
N2: “Frutta e verdura, le compri due frutti o due verdure a tua scelta, le apri, le sbucci e le fai riempire la scheda sul quaderno”
PV: “Ok”
N2: “Mi raccomando, fagliela fare, eh, che già la volta scorsa l’hai tenuta tu ed è andata a scuola senza lezione fatta. Io non la faccio studiare dopocena.”
PV: “sisissi”

Fast Forward al giorno dopo.

N2: “Allora piccoletta, la lezione di scienze l’hai fatta”
N1: “Si…”
N2: “e che verdure hai fatto?”
N1: “…”
N2: “beh? che verdure hai fatto?”
N1: “Non me lo ricordo…”
N2: “Ma come non te lo ricordi?”

La Nana, messa alle strette, attua la strategia che ogni donna impara fin da piccola (ce l’hanno nel DNA proprio): “quando qualcosa va storto, mettiti a piangere e aspetta che la gente si intenerisca”)

N1: “Ma in verità non l’ho fatto io, l’ha fatto papà e poi mi ha dettato cosa scrivere sulle schede!”
N2: “…e funziona benissimo, vero, visto che manco ti ricordi di che frutta o di che verdura fosse! Cos’hai imparato?”
N1: (dardeggiando con lo sguardo in cucina): “che la melanzana ha la buccia viola!”

La cosa che ancora di più mi preoccupa è che arrivi ad arrabattarsi pur di proteggerlo.

Annunci

Nane a Durezza Variabile

16 Ott

N1: “Mamma, ieri sera papà mi ha riportato a casa e mi sono messa sdraiata sul sedile dietro a dormire”
N2: “No amore, va messa la cintura…”
N1: “Ma io avevo tanto sonno!”
N2: “Fai come quando sei in macchina con me e PA, ti metti la cintura, appoggi la testolina da un lato e dormi”
PV: “Ma tanto vado piano, cosa vuoi che succeda!”

N2: “Nana, che ci fai sul sedile davanti della macchina di papà?”
N1: “…”
N2: “…e senza cintura, tra l’altro?”
N1: “…”
PV: “Davanti è più contenta!”

N2: “Sai PA, oggi PV mi ha portato al mare con il suo scooter!”
PA: “Brava piccoletta! Ma ci arrivi coi piedini alle pedane?”
N2: “No, ma papà mi mette davanti e mi fa tenere le mani sul manubrio!”
PA: “…?!?”
PV: “Ma si, dai, tanto qui al sud non controlla niente nessuno”

Non so se dargli dell’idiota perchè contraddice sua madre di fronte alla bimba o perchè pensa, per un qualsivoglia motivo, che stare con lui incrementi la resistenza agli impatti della bimba del 101%.

Tale padre, tale figlio…

14 Ago

Mamma che telefono alla Nana; vi ricordate che l’ultima volta c’era stato qualche problemino perchè i nonni paterni non le facevano fare la lezione?

N2: “Allora amore come va? fatta un po’ di lezione?”
N1: “Si mamma, però devo dirti una cosa”
N2: “Cosa?”
N1: “Il nonno è stato un po’ birbantello”
N2: “In che senso?”
N1: “Nel senso che ieri due pagine di lezione me le ha fatte lui”

…visto che quando la Nana parla con sua madre è sorvegliata a vista dalla nonna paterna, la sentiamo in sottofondo che inizia ad agitarsi e a dire qualcosa alla nana.

N2: “…e ti hanno detto di non dirmelo?”
N1: “Si, mi hanno detto di non dirtelo, ma tanto io faccio il contrario di quello che dicono!”

Io non ho parole. Solo insulti. Ma se iniziassi io, a mettergli contro la bambina e a insegnargli a mentire loro, farei una cosa COSI’ sbagliata?

Metodo per farsi una nana con 20 euro

4 Lug

Ok, lo ammetto, il titolo del post è leggermente fuorviante. Però richiama l’attenzione, dai 🙂

Abbiamo portato la Nana a Gardaland, è stato il suo regalo di compleanno. Due giorni praticamente interi tra scivoli, giochi, porcate alimentari e tanto tanto caldo.

Premessa: è due anni che la Nana ogni tanto arriva e ci fa “Ha detto papà che mi porta a Gardaland” e noi “uh, che bello, facci sapere quando parti”. Il sarcasmo per fortuna è al di là della comprensione di una piccoletta come lei. Insomma, PV che le promette di portarla a Gardaland, i genitori di PV che le promettono di di portarla a Gardaland, ma a Gardaland questa bimba non c’è mai andata.

Perchè? perchè andare a Gardaland comporta o prendersi un giorno di ferie (scherziamo? PV DEVE LAVORARE, eh!) o sacrificare un weekend alla bimba (e dubito che PV ne abbia voglia, e la di lui compagna meno che lui), quindi a fare i discorsi son buoni tutti, ma questa figliola a Gardaland proprio no.

Quindi la portiamo a Gardaland noi: prendiamo due giorni di ferie, compriamo i biglietti (fatevi un giro sul sito e vedrete che costano cifre STELLARI), mi preparo psicologicamente a otto ore di auto tra andata e ritorno (con annesso gasolio e autostrada), insomma, le facciamo un regalone per il suo settimo compleanno. Un conto a spanne tira giù una cifra nell’ordine dei 250 – 300 euro tra tutto, insomma, un bell’impegno per una famiglia come la nostra.

Cosa fa PV? Le regala 20 euro per comprarcisi qualcosa.

Ovviamente la Nana non ha la percezione di quanto costi viaggiare: per lei è tutto gratis, ma papà le ha dato venti euro di carta! cavoli quanti sono! hai visto che belli? Venti euro per comprarsi le attenzioni della figlia in un giorno in cui non le avresti avute, perchè non te le sei meritate, venti euro e zero secondi del tuo tempo.

Durante la prima giornata la Nana ci ha rotto le balle tutto il giorno con questi 20 euro. “Mamma mi tiri fuori il portafoglio?” – “Mamma, mi fai vedere i miei soldini?” – “mamma, dove li hai messi?” – “mamma, entriamo in quel negozio e guardiamo cosa si può comprare?”. Insomma, l’attrazione non era Gardaland. Erano i venti euro di papà.

Ho fatto esercizio zen per entrambi i giorni per non mettermi a ruggire. Sto seriamente pensando di fare un test psicologico a N2, ma come ha fatto a far riprodurre uno cosi’?

Ma come si fa?

29 Mag

N1: “mamma, oggi da papà ho mangiato due pacchetti di patatine e un panino con la nutella, ma m’ha detto papà di non dirtelo sennò ti arrabbi”.

 

Levatemelo dalle mani, vi prego.

Guarda mamma!

16 Gen

“Guarda mamma!” è il mantra della Nana. Praticamente ogni volta che ha qualcosa di nuovo, sia esso un cazzillo dall’utilità discutibile piuttosto che la chiave dei forzieri di Gringott interrompe tutto quello che sta facendo, interrompe tutto quello che STAI facendo, e al grido di “guarda mamma” ti fa vedere il cazzillo in questione. Non se ne va finchè non gli dici “bello”.

Ieri la Nana è rientrata dal weekend (mensile, eh? perchè sennò è troppa fatica prendere la figliola più di un weekend al mese) con papà. E ieri pomeriggio e ieri sera è stato un tripudio.

“Guarda mamma! Guarda che mi ha comprato papà!” e tira fuori un lecca lecca.

“Guarda mamma! Guarda che mi ha comprato papà da macdonald!” e tira fuori la sorpresina del momento.

“Guarda mamma! Guarda che mi ha dato la tizia per cui papà ti ha mollato!” e tira fuori un ciondolo che si apre ed esce fuori un coniglietto.

Facile, conquistarsi le figliole così. Anche perchè il bilancio del weekend è stato:

  • Nessun bidet fatto durante il weekend, col risultato che la Nana ci ha tenuto svegli perchè le faceva male la passerina. E quelli cattivi che la brontoliamo se non si lava siamo noi.
  • Nessun bagno nè tantomeno spazzolatura di capelli, col risultato che stamattina prima di portarla a scuola ha pianto come un capretto perchè era piena di nodi. E quelli cattivi che le fanno male quando la spazzolano siamo noi.
  • Due pranzi al macdonald, una merenda al macdonald, una gocciola e un cucchiaio di nutella a colazione. E quelli cattivi che la fanno mangiare cose normali siamo noi.
  • Lavarsi i denti? stiamo scherzando?

Il risultato è che quando è con noi fa i capricci perchè di farsi il bidet non ne ha voglia, se la spazzoliamo punta i piedi e se le diamo latte e biscotti fa le bizze per mangiarli.

Facile, conquistarsi le figliole a quella maniera, dandogliela sempre vinta così almeno non ti rompono i coglioni. Mi auguro, mi auguro soltanto che la nana diventi abbastanza intelligente da capire tutto questo un giorno.

Regalo di Natale

23 Dic

PV: “Che desideri per Natale?”
N1: “Il castello di Harry Potter della Lego!”
PV: “Te lo puoi scordare”

Già, perchè siccome di soldi per tua figlia ne spendi tanti, vero?

Mi avvio armato di bancomat al negozio di giocattoli, và.